Travi$ Scott – Rodeo (Recensione)

Il 5 di settembre è uscito l’album d’esordio di Travi$ Scott, “Rodeo”. Atteso? Decisamente sì, almeno in America. Se non vi fidate di me, vi bastino i numeri. Il disco di debutto del texano è infatti entrato direttamente alla posizione #1 nella Top Rap Albums Chart di Billboard US, dopo essere stato posticipato per mesi. I featuring sono diversi e i nomi di spicco non mancano (2 Chainz, Kanye West e ScHoolboy Q per dirne alcuni), ma questa, per chi già lo conosce, non è una novità. Continua a leggere “Travi$ Scott – Rodeo (Recensione)”

Jess Glynne – I Cry When I Laugh (Recensione)

“E questa chi sarebbe?”. Qualcosa del genere ho pensato alcuni mesi fa quando, facendo la spesa, mi è capitato di ascoltare per la prima volta una canzone pop molto catchy alla radio. L’autrice, come il titolo, mi era sconosciuta e tutto sommato neanche troppo per ignoranza mia, essendo una delle sue prime canzoni in assoluto. La voce però era bella piena, forte, una di quelle che rimane in testa. Continua a leggere “Jess Glynne – I Cry When I Laugh (Recensione)”

The Weeknd – Beauty Behind The Madness (Recensione)

the-weeknd-beauty-behind-the-madness-republic-1

Sono venuto a conoscenza di The Weeknd, come forse altri di voi, quando, verso la fine del 2014 ha collaborato alla hit di Ariana Grande “Love me harder”. A essere precisi, quella non è stata davvero la primissima volta in cui ho sentito parlare di questo artista, il quale, comparso sulle scene neanche ventenne, è riuscito ad attirare l’attenzione (con i suoi primi tre mixtape, poi ripubblicati sotto il nome di “Balloons Trilogy”) del connazionale canadese Drake. Drake con cui ha, non a caso, più volte collaborato in seguito. Continua a leggere “The Weeknd – Beauty Behind The Madness (Recensione)”

Dr. Dre – Compton (Recensione)

Dr. Dre è tornato. A 16 anni dal suo ultimo capolavoro, intitolato “2001”, e a ben 23 anni di distanza dalla pietra miliare che fu (e che è tuttora) il suo album d’esordio come solista “The Chronic”, è tornato, il 7 agosto, con “Compton”. Il suddetto titolo, talvolta accompagnato a mo’ di precisazione da “a soundtrack by Dr. Dre” riporta essenzialmente a quello che è il perno, il caposaldo, attorno al quale si è delineata l’evoluzione, artistica e umana, di una delle icone per eccellenza del genere hip-hop. Continua a leggere “Dr. Dre – Compton (Recensione)”