Je suis Charlie: l’islam e la paura

Stamattina intorno alle 11.30 tre persone armate hanno raggiunto la sede parigina del giornale satirico francese Charlie Hebdo, simile per contenuti al nostro Vernacoliere (per intenderci). Due di queste sono salite in redazione, dove c’era una riunione programmata per le dieci, e armate di Kalashnikov hanno fatto fuoco uccidendo dodici persone e ferendone in modo grave altre cinque. È morto, tra queste, il direttore Stéphane Charbonnier, incluso da AlQaida in una lista di persone colpevoli di crimini contro l’islam poco più di un anno fa, e con lui importanti redattori e vignettisti del giornale.
Questo giornale è famoso per aver pubblicato a più riprese vignette satiriche contro Maometto. Continua a leggere “Je suis Charlie: l’islam e la paura”